Supporto famigliare disabili

Presentata a Roma la Carta europea di supporto al famigliare che si prende cura di una persona non autosufficiente. Il decalogo è frutto di un progetto del Coface handicap, chiamato Aide aux aidants, aiuto a chi aiuta. L’obiettivo è trasformare la carta in una direttiva europea.
Il documento è frutto di uno studio del Coface handicap e mira a dare riconoscimento giuridico ed economico all’assistente famigliare di un disabile grave.
In Europa sono 50 milioni le persone non autosufficienti, e l’85% di loro vive in famiglie; in Itlaia sono 2 milioni 800mila e vivono in famiglia nel 95% dei casi. Tra le conseguenze del riconoscimento giuridico della cura famigliare, il mantenimento del posto di lavoro e il riconoscimento di crediti formativi per chi dopo l’esperienza di cura di un famigliare si orienta verso le professioni di cura.
La Carta è stata presentata a Vladimir Spidla, commissario europeo all’Occupazione, affari sociali e pari opportunità; l’idea è di fare pressione sui governi nazionali affinché la Commissione usi la Carta come testo base per una direttiva europea.

Questa voce è stata pubblicata in assistenza, disabili, famiglia. Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>