Aeroporti per disabili

Napoli da imitare. Un esempio di accessibilità e pari opportunità, presentato come best practice a livello europeo alla conferenza inaugurale della Giornata della disabilità. I rifiuti non c’entrano, stavolta, non c’entrano: quella raccontata a Bruxelles lo scorso dicembre è un’altra storia e parla di Napoli, del suo aeroporto e della società che lo gestisce (Gesac) che per adeguarsi al nuovo regolamento europeo per il trasporto dei passeggeri a ridotta mobilità interpellato direttamente loro, i disabili. Sembrerebbe naturale, e invece così non è: tra i 40 aeroporti italiani, solo a Capodichino si è lavorato fianco a fianco con le associazioni dei disabili.
Il progetto, riconosciuto come best practice europea, si chiama appunto Collaudo civico, perché al “decollo” del regolamento ha partecipato anche la società civile. In tutte le fasi: prima, sedendo ai tre tavoli progettuali, poi gestendo il corso rivolto agli assistenti di terra dei passeggeri disabili e, infine, partecipando alle ispezioni e ai controlli di qualità.
Ma cos’ha fatto di così speciale la Gesac per meritarsi il plauso dell’Europa? Intanto già dal 27 luglio scorso, l’aeroporto di Napoli era a norma: scalo accessibile dai parcheggi fino a bordo, e possibilità di viaggiare su qualsiasi volo, purché prenotato per tempo. Poi, al posto di un’anonima sala d’aspetto, in un’aerea dello scalo è stata allestita la Sala Amica, raggiungibile direttamente in taxi e auto dotata di tv, bagni attrezzati, poltrone della giusta altezza. L’aeroporto si è inoltre dotato di tre amboulist, cioè ascensori con sollevatori per il trasporto a bordo dei passeggeri in carrozzina, bagni per disabili divisi per sesso e un potenziamento del personale addetto all’assistenza diretta, il cui numero è quasi raddoppiato con un incremento della presenza femminile.

Questa voce è stata pubblicata in disabili. Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>